Categorie speciali di elettori

Categorie speciali di elettori

  • Voto assistito: gli elettori impossibilitati ad esprimere autonomamente il voto possono farsi assistere da un altro elettore.
  • Voto domiciliare: gli elettori in dipendenza vitale da apparecchiature elettromedicali, o affetti da gravissima infermità tale che l'allontanamento dall'abitazione risulti impossibile anche con il trasporto in ambulanza, possono votare a casa. Maggiori informazioni sulla scheda informativa voto domiciliare.
  • Alle persone anziane, ammalate o in difficoltà, viene garantito, per la giornata delle votazioni, un servizio di trasporto gratuito a chiamata (contattare l'Ufficio elettorale).

Modalità per il Voto Assistito
Gli elettori che hanno gravi difficoltà fisiche tali da non consentire di esprimere il voto autonomamente, possono chiedere di essere accompagnati all'interno della cabina da un altro elettore.
Per evitare di produrre certificati medici per ogni elezione, è possibile richiedere all'ufficio Elettorale di apporre sulla tessera elettorale, il timbro attestante il diritto al voto assistito permanente. Pertanto l’elettore, al fine di attestare il diritto al voto assistito può esibire al presidente di seggio la tessera elettorale riportante l’apposito timbro o altra documentazione rilasciata da un’Amministrazione pubblica che attesti la necessità per l’elettore all’ammissione al voto assistito.

Requisiti
Sono considerati elettori affetti da grave infermità i soggetti che presentino impedimenti, riferiti alla capacità visiva e/o a quella di movimento degli arti superiori, tali da non consentire di esprimere il voto autonomamente.

Come fare
L'elettore avente diritto, iscritto nelle liste elettorali del Comune di Boscoreale, può richiedere all'ufficio Elettorale del Comune l'annotazione permanente del diritto al voto assistito, presentando:

  • la richiesta voto assistito permanente;
  • la documentazione sanitaria rilasciata gratuitamente dall’ASL (dovrà attestare esplicitamente che l'elettore è impossibilitato ad esercitare autonomamente il diritto al voto);
  • un documento d’identità;
  • la tessera elettorale per l'apposizione del timbro.

Nota
Gli elettori non vedenti possono esibire al posto del certificato medico di cui sopra, il libretto nominativo di pensione rilasciato dall’Inps (in precedenza dal ministero dell’interno) nel quale sia indicata la categoria “ciechi civili” ed uno dei codici attestanti la cecità assoluta, quali 06, 07, 10, 11, 15, 18, 19.
All'ufficio Elettorale può presentarsi anche una persona diversa dall'interessato, purché munita di delega in carta semplice e fotocopia di un documento d'identità del delegante.
 



Modalità per il voto domiciliare
È la possibilità di esprimere il voto nella propria abitazione ed è consentito a quelle persone che non possono uscire di casa a causa di infermità gravissima.
In occasione delle elezioni del sindaco e del consiglio comunale del 10 giugno 2019, trovano applicazione le disposizioni di cui all'art. 1, comma 1, del D.L. 1/2006, convertito con Legge 27/01/2006 n. 22, come modificato dalla Legge 46/2009.
Il voto domiciliare è consentito, oltre che agli elettori che dipendono da apparecchiature elettromedicali che impediscono l'allontanamento dalla propria abitazione, anche agli elettori che sono affetti da gravissime infermità e che per ragioni di salute non sono trasportabili nemmeno con il servizio gratuito organizzato dal Comune per gli elettori disabili (come previsto dall'art. 29 delle L. 5.2.1992 n. 104).


Come fare
Per usufruire del voto domiciliare, l'elettore interessato deve trasmettere al Comune nelle cui liste elettorali è iscritto, una dichiarazione, corredata delle prescritta documentazione sanitaria, nella quale attesta la volontà di esprimere il diritto di voto nell'abitazione in cui dimora. Questa dichiarazione deve essere presentata nel periodo compreso tra il quarantesimo e il ventesimo giorno antecedente la data di votazione, ovvero tra martedì 1 maggio e lunedì 21 maggio 2018.
La dichiarazione deve riportare, oltre alla volontà di esprimere il voto a domicilio, l'indirizzo completo dell'abitazione in cui l'elettore dimora e un recapito telefonico.

Alla dichiarazione l'elettore interessato deve allegare:

  • copia delle tessera elettorale;
  • copia di un documento d'identità in corso di validità;
  • idonea certificazione sanitaria rilasciata dal funzionario medico designato dai competenti organi dell'azienda sanitaria locale. Per non indurre incertezze la certificazione medica dovrà riprodurre l'esatta formulazione normativa attestante la sussistenza in capo all'elettore delle condizioni di infermità di cui all'art. 1, comma 1, della L. 46/2009, ovvero delle condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali o la gravissima infermità che ne impedisce qualunque spostamento. Questa certificazione, inoltre, potrà attestare l'eventuale necessità del c.d. "accompagnatore" per l'esercizio del voto.